Grave crisi? Soluzioni concrete e non estemporanee.

sabato, 17 ottobre 2009

La stasi congiunturale che ci trova coinvolti in una duplice difficoltà, ci obbliga a ripensare il nostro sistema economico e più in generale l’intero sistema socio-economico. E’ un po’ avvilente che per spronarci ad individuare una strada seria per il nostro Paese ci siano volute tante pressioni dall’esterno. Importantissima novità e primo passo di questa rivisitazione delle prospettive del nostro Paese, sono i recenti successi internazionali, derivanti dall’ottimo lavoro svolto dal nostro Segretario agli Affari Esteri, che possono offrirci una boccata d’ossigeno. Ma dobbiamo fare ancora molta strada perché qualsiasi accordo firmato, più che essere un importante traguardo, deve costituire una base di partenza per lavorare in prospettiva e finalmente con una sana dose di lungimiranza. Una gestione oculata della spesa pubblica, che comporterà scelte difficili ma necessarie, sarà il primo passo per focalizzare gli investimenti dello Stato su punti strategici e fondamentali per il Paese. Non possiamo più sperare che l’intervento pubblico risolva ogni singola questione nell’immediato: non lo faceva prima, figuriamoci se può avere le risorse per intervenire adesso. Lo sviluppo socio-economico del nostro Paese deve necessariamente dipendere da interventi strutturali e non “tampone”, come quello del casinò che resta una fonte di ricchezza incerta ed instabile. Anche se il casinò fosse nel programma di governo e venisse realizzato, non sarebbe una mossa risolutiva per nessuno dei nostri problemi. Invece, rischierebbe di mettere in difficoltà le nostre forze dell’ordine, già molto impegnate per tenere sotto controllo le attività criminose in territorio e anche il sistema politico, come si è recentemente visto nell’esperienza della San Marino Giochi, nei suoi legami e condizionamenti sulla vita istituzionale del Paese. Le “mosse” che credo ipotizzabili e concretizzabili per San Marino sono di tutt’altra specie. Il turismo deve ritornare ad essere uno dei nostri capisaldi economici. Quindi occorre valorizzare il Centro Storico per eccellenza e tutte le aree che ancora possono vantare un valore e una peculiarità ambientale. Senza dimenticare che il Monte Titano, il centro storico di Città e di Borgo sono entrati a far parte dell’Unesco. Individuare nicchie turistiche di pregio che possano essere compatibili con la nostra disponibilità territoriale come ad esempio: il ciclo turismo, l’enogastronomia, congressi e convegni di carattere internazionale, ecc. In relazione al turismo ma non solo, c’è il commercio, in particolare quello al dettaglio che bisogna assolutamente valorizzare, incentivare e rendere competitivo, perché lascia sul nostro territorio e nelle casse dello stato importanti risorse economiche derivanti dal versamento della monofase e non solo. Il parco scientifico e tecnologico sarà un obiettivo indispensabile per la valorizzazione dell’alta scolarizzazione dei ragazzi, per creare un’economia ad alto valore aggiunto, non più basata sull’erosione degli stipendi e dei diritti dei lavoratori che fra l’altro oggi, forse per la prima volta, dopo una serie di conquiste sociali, si trovano in una situazione di difficoltà evidente. Un settore economico molto importante, che parte dal presupposto di rinnovare le relazioni dell’uomo con il pianeta Terra, e che deve essere strettamente correlato al parco scientifico-tecnologico è quello della “green economy”. Il contributo del parco scientifico e tecnologico collegato ai possibili brevetti registrabili, alla produzione e alla commercializzazione di prodotti per l’incentivazione del risparmio energetico, del risparmio idrico, per l’implementazione di tecnologie che producono energia rinnovabile per le abitazioni e le aziende, sono solo alcune attività che troverebbero maggiore spazio nella nostra economia. La “green economy” sarà il nuovo settore economico a cui andrà dedicata attenzione ed investimenti per valorizzare le aziende sammarinesi che vogliono e vorranno entrare in questo mercato emergente e necessario anche al nostro Paese. Potrei approfondire ancora le proposte di cui ho parlato brevemente ed aggiungerne altre altrettanto interessanti ed appetibili per il nostro obiettivo. Credo che con una sana dose di buona volontà si possa ottenere un vantaggio indiscutibile da questa crisi economica che ci può dare l’input per ricercare ed ottenere un sistema economico diverso, nuovo e probabilmente più solido del precedente.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.