Politiche giovanile e giovani. 2° Agorà – 2008

 





Lo dissi tre anni fa e lo voglio ribadire questa sera, nel giorno del terzo compleanno di Alternativa Giovanile. Ho intrapreso quest’avventura, non per i luoghi comuni che “tirano in ballo” affari, soldi e “ruberie”, ma perché Amo il mio paese! Ho da sempre un sogno, penso dall’età di 12-13 anni, fare di San Marino un esempio nel mondo, un esempio per i Grandi del mondo, una nazione-piccola come esempio per quelle grandi. Purtroppo, leggendo la realtà che appare ogni giorno, non vedo nemmeno una “briciola” di questo sogno realizzato o realizzarsi.

 

A questo punto voglio mettere a nudo una delle illusioni a cui spesso crediamo, quella del “RINNOVAMENTO” attraverso i giovani. Non è la – categoria giovani – a fare la differenza, a rendere la gestione della cosa pubblica corretta ed oculata ma è la – formazione dei giovani.

 

Nel secondo governo Ap, nato nel luglio 2006, è stata introdotta la delega alle “politiche giovanili” ed è stata promossa ed approvata una legge quadro nella medesima materia.

Della legge sottolineo tre punti:

  • l’introduzione del piano biennale per le politiche giovanili che elencava una serie di punti su cui intervenire, dai centri di aggregazione a quelli ludico-sportivi;

  • l’istituzione della commissione per le politiche giovanili;

  • l’istituzione del Forum dei Giovani, quale organo rappresentativo dei giovani residenti a San Marino.

Purtroppo con la caduta di questo governo, il piano biennale è stato parzialmente accantonato ma l’istituzione degli organi è proseguita ed oggi questi sono una realtà.

La commissione per le politiche giovanili, di cui sono stato Presidente fino ad ora, si dovrebbe occupare di interventi mirati a risolvere le problematiche della fascia giovanile della popolazione. Tale commissione è in “pausa” a causa della – crisi di governo – che si sta trascinando da mesi.

Nelle sue 4 adunate la commissione ha raggiunto il numero legale solo due volte; voglio specificare che tale numero è necessario per renderla deliberante, quindi in grado di assumere decisioni la commissione stessa; questo denota un parziale disinteresse degli stessi giovani che fanno politica e sono in organismi istituzionali.

Ma la vera novità di questo “piano per i giovani” risiede nel Forum dei Giovani, che si qualifica come “Istituzione rappresentativa dei giovani” e per legge è anche “Organo consultivo del Consiglio Grande e Generale”. Tale struttura calata dall’alto è ora lo strumento pi forte che i giovani possono usare per far sentire la propria voce, è il mezzo con cui i giovani possono esprimere:

 

“IL LORO PUNTO DI VISTA, LA LORO VISIONE, DI SAN MARINO”

 

Il Forum dei Giovani deve dare..

 

“L’INTERPRETAZIONE DELLA REALTA’ DAL PUNTO DI VISTA DEI GIOVANI”

 

ciò deve venire da ogni campo, da ogni materia che possa influire sul futuro di San Marino.

Ma stiamo correndo dei rischi non indifferenti, i giovani stanno assumendo una linea di pensiero che ha caratterizzato il nostro paese negli ultimi 20 anni almeno.

 

“NON POSSIAMO CAMBIARE IL SITEMA”

 

“NON VOGLIAMO RIVOLUZIONARE LO STATUS QUO”

 

“NON SIAMO QUI PER FARE RIVOLUZIONI”

 

Ecco, se questo è il punto di vista dei giovani possiamo definirci dei VECCHI, non per offendere tale parte della popolazione, ma i giovani dovrebbero essere il FUTURO, dovrebbero essere il detentori dell’arma per il buon governo per la politica sana, quest’arma si chiama

 

LUNGIMIRANZA

 

i giovani devono vedere dal 2008 a 40 anni almeno di distanza, pensando a cosa sarà il Nostro Paese se il metodo di governo resterà questo, quello adottato negli ultimi due decenni i affarismo, clientelismo, sperpero delle risorse pubbliche, sconclusionatezza negli accordi con il nostro partner più vicino, L’ITALIA.

 

Stiamo correndo un rischio

 

L’OMOLOGAZIONE DELLA FASCIA GIOVANILE A QUELLA CHE OGGI DEFINIAMO LA VECCHIA CLASSE POLITICA CHE MALE HA FATTO E PEGGIO STA FACENDO ORA.

 

Non è l’età a fare la differenza, non è il nome o la lista elettorale ma sono

 

LE PERSONE

 

e lo spirito che le guida a impegnarsi in politica!

 

Amo il mio paese e mi impegno perché esso sia e diventi esempio di democrazia, libertà e uguaglianza per il mondo!